Futsal, Salvo Samperi sarà il nuovo commissario tecnico della Nazionale: “Un onore e una responsabilità”

Salvo Samperi è entrato questa mattina nella sede della FIGC in via Allegri investito da un forte senso di responsabilità e grande emozione: a partire dal 1° luglio sarà il nuovo Commissario Tecnico della Nazionale di futsal, succedendo a Massimiliano Bellarte. Il primo impegno ufficiale alla guida degli Azzurri è in programma a gennaio, quando l’Italia inizierà il percorso nelle qualificazioni a Futsal EURO 2026: nei mesi precedenti, a partire dal primo raduno di settembre, Samperi avrà la possibilità di avviare il suo lavoro con il gruppo azzurro. Nei periodi di novembre e dicembre sono invece previsti altri due appuntamenti, con amichevoli ancora in via di definizione.

GRAVINA. Durante la conferenza stampa tenutasi a chiusura del Consiglio Federale di questa mattina, è stato il presidente della Federcalcio Gabriele Gravina a introdurlo. “Sono felice di presentarvi il nuovo Commissario Tecnico della Nazionale di futsal. Salvo Samperi succede a Massimiliano Bellarte, che ringrazio per il contributo offerto in questi anni, in particolare sulla valorizzazione dei giovani – commenta il presidente federale -. Abbiamo ritenuto che Samperi fosse la persona più idonea per rafforzare il percorso di consolidamento del talento italiano, anche attraverso i risultati. È stata una scelta condivisa con la Divisione Calcio a 5 e con il presidente Bergamini, che ringrazio, a testimonianza di come ci si muova in sintonia, con l’obiettivo di sviluppare il futsal in maniera coordinata. A tal proposito, prenderà vita una nuova area tecnica a supporto delle Nazionali del Club Italia proprio in raccordo con la Divisione, perché c’è sempre più bisogno di collaborazione. Per la FIGC, il calcio a 5 ha un’importanza strategica, rappresenta il completamento dell’offerta calcistica per giovani ed è spesso propedeutico anche al miglioramento della tecnica di base per i giocatori di calcio a 11, oltre a essere una disciplina altamente spettacolare, come dimostrano anche i successi televisivi”. Rispondendo alle domande dei giornalisti, Gravina ha poi aggiunto sull’utilizzo di calciatori non formati in Nazionale: “Non c’è un divieto o un limite, di sicuro ne scoraggiamo l’utilizzo se non sono atleti di prospettiva e non rappresentano un vero e proprio investimento tecnico”.

SAMPERI. Vincitore dello scudetto con la Feldi Eboli la scorsa stagione e premiato due volte con la Panchina d’Oro dal Settore Tecnico della FIGC (2021 e 2023), Samperi diventa l’ottavo Ct della storia della Nazionale di futsal (il nono in ordine di incarico se si calcola il doppio ciclo di Carlo Facchin, 1990-1991 e 1993-1997) con l’obiettivo di generare nuovo entusiasmo intorno agli Azzurri, che hanno mancato la qualificazione alle ultime due edizioni del Mondiale di futsal. “Ringrazio profondamente il presidente Gravina e il presidente Bergamini per aver riposto in me la fiducia nel ricoprire un incarico così prestigioso. Sento grande emozione e senso di responsabilità, ma penso che faccia parte del ruolo che andrò a ricoprire. Diventare Ct della Nazionale è un sogno per chiunque: ho i brividi su tutto il corpo ed è questo ciò che proverò a trasmettere ai giocatori, allo staff e a tutti coloro che lavoreranno insieme a noi. La maglia azzurra è un onore, ma come detto anche una responsabilità importante, perché i risultati sono determinanti nel nostro percorso. Mi assumo l’onere di questa chiamata e farò questo lavoro col massimo della passione e dell’entusiasmo: sono carico a mille per provare a fare qualcosa in più per questo sport”.

BERGAMINI. Presente in conferenza stampa anche il presidente della Divisione Calcio a 5 Luca Bergamini: “Certe cose non nascono per caso, ma da un lavoro di coordinamento e sintesi di immagini che abbiamo voluto trasferire al presidente Gravina, che ha recepito immediatamente le nostre intenzioni – racconta -. Se siamo qui oggi è per la grande collaborazione che c’è stata in tutte le aree: stiamo provando a creare un modello di sviluppo del settore tecnico del futsal, che nasce dalla condivisione del nuovo Commissario Tecnico. Non vogliamo lasciarlo solo in mezzo al mare, ma supportarlo con una programmazione condivisa con la struttura del Club Italia. La scelta di Samperi è stata unanime: come movimento gli chiediamo di creare un modello di futsal italiano. Per caratteristiche tecniche, storiche e genetiche, abbiamo un DNA ben definito: sono convinto che il ‘modello Italia’ possa essere all’avanguardia così come lo è nel calcio, diventando un punto di riferimento internazionale. Nella nostra visione Samperi risponde a tutte queste caratteristiche: ci aspettiamo tanto, anche in termini di risultati. Ci tengo a ringraziare Bellarte per il lavoro svolto: oggi i risultati diventano un aspetto determinante per il giudizio ai quali saremo sottoposti. Infine, ringrazio il presidente Gravina: non esiste nel mondo del calcio un interlocutore migliore di lui, da cui stiamo ricevendo grande attenzione e condivisione su molti aspetti fondamentali”.

SAMPERI, LA CARRIERA. Nato a Catania il 3 agosto 1988, Salvatore Samperi – per tutti semplicemente Salvo – a soli 21 anni inizia la sua carriera da allenatore, sedendosi sulla panchina della squadra Juniores del Viagrande Calcio a 5. Nel 2010 arriva la chiamata dell’Acireale in Serie A2, dove ottiene buoni risultati anche con le categorie giovanili (Under 21 in semifinale scudetto), prima di sposare nel 2015 il progetto Meta Catania. In tre anni viene promosso dalla Serie B alla Serie A e al primo anno nella massima serie ottiene il 5° posto in regular season oltre alla qualificazione alla Final Eight di Coppa Italia. Nel 2020/2021, al primo anno dalla ripartenza post-pandemia, arriva fino in finale scudetto, dove deve arrendersi al grande Pesaro. Esaurito il ciclo catanese, a dicembre Samperi viene chiamato sulla panchina della Feldi Eboli, con cui risale dalla zona play out fino a raggiungere la finale scudetto, ancora contro il Pesaro, che vince nuovamente. La ‘terza’ è la volta buona: nella stagione 2022/2023 la Feldi Eboli e Samperi tornano in finale scudetto, vincendo in due gare contro l’Olimpus Roma. Per Samperi è il primo titolo, che viene bissato dalla Supercoppa vinta lo scorso settembre. Nel mentre arrivano anche due partecipazioni in Champions League, con le ‘Volpi’ che in entrambe le annate, dopo aver superato il primo girone, si arrendono solo allo strapotere di Sporting Lisbona e Barcellona. Grazie a risultati ottenuti nelle stagioni 2020/2021 e 2022/2023, Samperi viene insignito due volte della Panchina d’oro del Settore Tecnico della FIGC.