Studio Luiss-FISE, l’impatto degli sport equestri sul PIL è di 3 miliardi

Gli Sport equestri come risorsa del Paese. E’ stato questo il tema principale della conferenza “L’Impatto degli sport equestri nel sistema economico italiano”, tenutasi alla Luiss Business School (Villa Blanc) di Roma, nel corso della quale è stata presentata la ricerca “Il Cavallo Vincente”, lo studio realizzato in collaborazione tra la FISE (Federazione Italiana Sport Equestri) e la Luiss Business School. Tanti gli ospiti illustri intervenuti, tra cui il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega allo Sport, Valentina Vezzali e Presidente del CONI, Giovanni Malagò.

Nel corso della tavola rotonda, moderata dal giornalista de Il Sole 24 Ore, Marco Bellinazzo, è stato sottolineato come, con lo sviluppo di nuove tecniche e nuove tecnologie, si stia assistendo ad una progressiva sofisticazione del mercato sportivo, che quindi si tramuta in un vero e proprio mondo di opportunità lavorative ed economiche per il futuro, andando ad incidere anche e soprattutto sul PIL del Paese.

La lettura dei dati relativi alla crescita del settore sportivo, sottolinea come gli Sport Equestri si rivelino una risorsa del Paese, con ricadute che variano da 2,3 a 3 miliardi di euro sul PIL. Cresce anche l’impatto sull’occupazione, grazie al consistente aumento di oltre 170.000 tesserati FISE (dato 30 settembre 2021), con un’incidenza di +53% rispetto ai dati 2020 e parallelamente cresce tutto l’indotto di settore.

Analizzando il momento che gli sport stanno attraversando, Marco Di Paola (Presidente FISE) ha commentato: “Il cambiamento d’epoca che la nostra società sta vivendo, evidenzia quanto lo sport non sia più solamente il raggiungimento di un primato olimpico o internazionale, ma un vero e proprio percorso formativo per tante giovani generazioni e un momento dedicato al benessere psico-fisico di tanti adulti, che influenza fortemente gli stili di vita della società contemporanea. Tutte le famiglie vogliono fare attività fisica e dedicano una parte del proprio budget annuale allo sport. La missione delle Federazioni – che è quella di ottenere il maggior numero di medaglie e primati sportivi – viene implementata dall’impegno di intercettare e soddisfare una nuova utenza, che vede nello sport una parte integrante del proprio stile di vita. Gli sport equestri sono molto ricercati proprio perché affiancano ai principi decubertiani condivisi e promossi da tutti gli altri sport, anche un rapporto speciale con l’altro atleta: il cavallo. Tutto ciò insegna i valori dell’altruismo, della generosità e del saper ascoltare e accudire un compagno di sport, che in maniera silenziosa si dona anima e corpo. Questo, per la FISE, è un momento di grande crescita, anche grazie alla maggiore visibilità sui mezzi di comunicazione, derivante dai grandi eventi sportivi e, più semplicemente, dalla bellezza intrinseca del cavallo, che si presta facilmente ai vari strumenti di espressione e narrazione”.

Per Valentina Vezzali (Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega allo Sport): “Questo studio, elaborato da FISE e LUISS, ci apre porte importanti per dare ancora più valore al settore sportivo italiano. Lo sport, da sempre, porta al gioco, creando integrazione e aiutando a superare gli individualismi. In Italia, quindi, promuovere lo sport diventa un fattore culturale, andando a giocare una partita importante anche per le pari opportunità. Nel nostro Paese, del resto, i numeri parlano da soli. Le discipline sportive rappresentano la 6ª industria del Paese, con 100mila addetti ai lavori e 35mila imprese attive, per una produzione che genera oltre 14 miliardi di euro, senza considerare l’indotto. Numeri importanti, che vedono l’Italia come secondo Paese europeo per la produzione di valore dalle imprese sportive, il che porta ad un PIL del settore che sfiora il 3%. Per questo vengono richiesti sempre più figure professionali e strutture di alta qualità. Le Istituzioni devono essere vicine alle Federazioni e in tal senso il PNRR potrà aiutarci tantissimo, poiché lo sport può accelerare anche l’innovazione tecnologica e il processo di ripresa del Paese. Il Governo ha già stanziato oltre 2 miliardi di euro per investimenti nel settore sportivo, ma non basta. Servono riforme e scelte importanti che vadano verso lo sport”.

Nel suo intervento, Giovanni Malagò (Presidente del CONI) ha chiarito: “Gli stakeholders che si affacciavano al mondo sportivo in Italia, finora, si sono relazionati solamente con la federazione calcistica, del volley, del basket o del tennis. Oggi, invece, la FISE si è proposta in questo settore con un progetto importante dal punto di vista economico. Voglio fare un plauso alla FISE che – grazie alla professionalità e alla lungimiranza del Presidente Di Paola – è riuscita ad imporsi a livelli molto alti con eventi di tutto rispetto come Piazza di Siena o i prossimi Campionati del Mondo ai Pratoni del Vivaro, creandosi un’immagine nuova e forte. Per fare ciò, però, è importante perseguire diverse strade: creare emulazione e, soprattutto, avere una vocazione imprenditoriale. Aver dimostrato – ha concluso Malagò – che la FISE è strettamente collegata alla creazione di un indotto derivante dallo sport italiano che produce 1,7 miliardi di euro, significa aver dimostrato cosa può diventare la FISE del domani”.

Presentando lo studio “Il Cavallo Vincente”, Matteo Giuliano Caroli (Associate Dean for Internationalization della Luiss Business School e autore della ricerca insieme al Prof. Alessandro Sarra) ha dichiarato: “Lo sviluppo di questa analisi ci ha permesso di entrare in un mondo articolato e ricco di passione, quale quello dell’equitazione. Insieme al Prof. Alessandro Sarra abbiamo studiato l’impatto economico a livello nazionale del sistema degli sport equestri. Esso coinvolge un insieme di settori molto variegato, con l’influenza sull’economia italiana che risulta molto più ampia di quanto si potrebbe pensare. Oltre all’indotto diretto e indiretto, infatti, andrebbero valorizzati gli effetti socio-culturali, educativi e di benessere.

Con questa ricerca – ha concluso Caroli – abbiamo voluto restituire una fotografia del settore che, per la prima volta, tiene conto di dati quantitativi e che permette una più lucida valutazione del suo ruolo per l’economia del Paese”.

Diego Nepi Molineris (Direttore Generale Sport e Salute Spa) ha sottolineato l’importanza del lavoro di squadra: “La FISE presenta un modello vincente sotto tanti aspetti: a livello gestionale la Federazione ha saputo sviluppare e promuovere gli sport equestri sia in ambito agonistico e ad alto livello, sia attraverso un investimento e un impegno nello sviluppo dello sport di base. Per fare in modo che il settore sportivo cresca sempre più è importante pianificare degli investimenti che, su un piano quinquennale, possano portare ad un incremento di strumenti facendo crescere tutto lo sport in Italia grazie a un lavoro di squadra”.

Giovanni Mantovani (Direttore Generale VeronaFiere S.P.A) ha parlato della partnership tra FISE e Fieracavalli: “Il binomio FISE e Fieracavalli è diventato sempre più una squadra: insieme ci confrontiamo, organizziamo e pianifichiamo un evento che diventa sempre più grande. 
Fieracavalli Verona è una manifestazione che è nata 123 anni fa con un contenuto che è in grado di far vivere in soli 4 giorni – in tempi ordinari – tutto ciò che gravita intorno al mondo del cavallo e di fatto crea passione, economia e condivisione. 
Nel decennio 2010-2020 abbiamo registrato numeri importanti con 150.000 visitatori medi ogni anno, dei quali 20.000 provenienti dall’estero da oltre 75 paesi, 2.500 cavalli – addirittura 3.000 – in Fiera nel 2021 e – sempre quest’anno -40 ore di dirette con 70.000 utenti che si sono collegati per seguire le diverse attività proposte in digitale. 
Dati importanti per una manifestazione che continua a crescere e vuole offrire sempre più opportunità in un contesto in cui il cavallo è il protagonista assoluto”.

Fabio Schiavolin (AD Snaitech e Presidente del Comitato Organizzatore Milano Jumping Cup e al vertice della squadra organizzativa dell’Europeo 2023) ha invece posto l’accento sulla relazione tra sport e settore dell’intrattenimento: “L’assegnazione dell’Europeo 2023 (di salto ostacoli ndr.) a Snaitech e all’Ippodromo Snai San Siro è un riconoscimento per la Milano Jumping Cup, oltre a rappresentare una spinta ulteriore al progetto che, non a caso, abbiamo definito “il teatro del cavallo”. L’idea infatti è quella di offrire al pubblico uno spettacolo unico, costruito sull’integrazione di sport ippici e sport equestri”.

Hanno preso parte all’evento anche Simone Perillo (Segretario Generale FISE), Ettore Artioli (Consigliere Federale e Presidente Centro Studi FISE), Alessandro Sarra (Docente Luiss Guido Carli), Anna Gatti (Consigliere Intesa Sanpaolo), Roberto Tavani (Presidenza Regione Lazio Delega allo Sport) e Alessandro Onorato (Assessore al Turismo, Grandi Eventi e Sport per il Comune di Roma).

[wpdevart_like_box profile_id=”economiaesport.it” animation_efect=”none” show_border=”show” border_color=”#fff” stream=”hide” connections=”hide” width=”265″ height=”80″ header=”small” cover_photo=”show” locale=”it_IT”]