Luna Rossa si qualifica alla finale della Prada Cup

Luna Rossa si è qualificata alla finale della Prada Cup. L’imbarcazione italiana sfiderà ad Auckland, dal 13 al 22 febbraio 2021, il team britannico Ineos (imbattuti nei round robin). Il vincitore della Prada Cup sfiderà dal 6 al 21 marzo l’Emirates Team New Zealand, i detentori dell’America’s Cup, giunta alla 36esima edizione.

In semifinale Luna Rossa ha battuto NYYC American Magic per 4 a 0. Le ultime due regate si sono svolte nel campo A, nella zona Nord, davanti alla costa di Takapuna, con venti tra i 10 e i 12 nodi da nord-nord ovest, che hanno caratterizzato l’intero pomeriggio. Nella prima regata Luna Rossa entra dalla parte sinistra dell’entry box, e si dirige subito sul lato destro. Gli americani entrano da destra. Nel pre-start American Magic riesce ad ottenere il sottovento. La partenza di entrambi è on time mura a dritta verso il boundary di sinistra. Luna Rossa è sopravvento e riesce a controllare gli americani, che sono costretti a virare verso destra. Già nella prima bolina costruisce il vantaggio che va ad incrementare per tutta la regata, con distacchi ad ogni gate che oscillano tra i 20 e i 40 secondi. La prova si chiude con Luna Rossa che taglia il traguardo 35 secondi prima degli americani.

Nella seconda regata Luna Rossa vince la partenza mure a dritta, costringendo American Magic a virare e rimanere sulla destra del campo. Già nella prima bolina gli americani sono un centinaio di metri dietro. Al primo gate il distacco è di 45 secondi. Nel lato di poppa, Luna Rossa naviga pulita con manovre impeccabili. Gli americani iniziano ad avere evidenti problemi nella conduzione, costretti più di una volta a oltrepassare il boundary e prendere penalità. Il distacco aumenta e la regata si chiude dopo 6 lati, con Luna Rossa in vantaggio di oltre 2 minuti e mezzo.

Max Sirena, skipper e team director
“Abbiamo raggiunto il primo step che era quello di andare in finale di PRADA Cup. La cosa che ci da più soddisfazione sono le performance della barca ed il modo di comunicare a bordo che stanno migliorando molto. È solo il primo step. Ora pensiamo alla finale che sarà difficilissima, quindi testa bassa e concentrati.”

Jimmy Spithill, helmsman
“Siamo stati in grado di ottenere due vittorie convincenti in una serie davvero solida. Penso che per tutto lo shore team e il design team siano stati giorni senza sosta, non hanno mai avuto un vero e proprio day-off, hanno sempre lavorato per cercare di studiare soluzioni che potessero ottenere qualche vantaggio dalla barca. E credo che come squadra abbiamo lavorato bene.”

[wpdevart_like_box profile_id=”economiaesport.it” animation_efect=”none” show_border=”show” border_color=”#fff” stream=”hide” connections=”hide” width=”265″ height=”80″ header=”small” cover_photo=”show” locale=”it_IT”]