Fair Play Finanziario, Manchester City riammesso in Champions League dal TAS

Il Tribunale Arbitrale dello Sport di Losanna ha riammesso il Manchester City a partecipare alle coppe europee nelle stagioni 2020/21 e 2021/22. I cityzens, che al momento occupano il secondo posto in Premier League, giocheranno la prossima Champions League. Il TAS ha ridotto anche la sanzione economica, portandola da 30 a 10 milioni di euro. Il Manchester City era stato sanzionato con l’esclusione dalle coppe europee dalla Camera Giudicante dell’Organo di Controllo Finanziario per Club della UEFA (CFCB).

La UEFA prende atto della decisione del TAS di ridurre la sanzione imposta al Manchester City per la presunta violazione delle norme sulle licenze per club e sul Fair Play Finanziario. La UEFA osserva che la giuria del TAS ha riscontrato l’insufficienza di prove definitive a conferma di tutte le conclusioni della CFCB in questo caso specifico, e che molte delle presunte violazioni erano prescritte dopo cinque anni come previsto dalle norme UEFA.

[wpdevart_like_box profile_id=”economiaesport.it” animation_efect=”none” show_border=”show” border_color=”#fff” stream=”hide” connections=”hide” width=”265″ height=”80″ header=”small” cover_photo=”show” locale=”it_IT”]