Calcio femminile: via al professionismo dal 2022. Scudetto 2020 alla Juventus

Lo status di professionismo al calcio femminile italiano verrà riconosciuto a partire dalla stagione sportiva 2022/2023. Il presidente della FIGC Gabriele Gravina ha proposto al Consiglio Federale il progetto che darà pari dignità al calcio a tinte rosa. Il passaggio dal mondo del dilettantismo richiederà un adeguamento da parte del sistema. Sull’argomento si attendono i decreti attuativi, a cui sta lavorando il Ministro per lo Sport Vincenzo Spadafora nell’ambito della discussione della legge delega di riforma. La proposta è stata condivisa all’unanimità dai partecipanti al Consiglio Federale.

Il Consiglio Federale della FIGC ha assegnato il titolo di Campione d’Italia della Serie A femminile  2019/2020 alla Juventus. La classifica finale è stata definita attraverso il coefficiente correttivo adottato attraverso l’algoritmo. I bianconeri vincono lo scudetto in virtù della posizione in classifica maturata al momento della sospensione definitiva del campionato. Accedono alle competizioni internazionali la Juventus e la Fiorentina. Retrocedono in Serie B le società Tavagnacco e Orobica. Promosse in Serie A Napoli e San Marino. Retrocedono in Serie C Novese e Perugia.

[wpdevart_like_box profile_id=”economiaesport.it” animation_efect=”none” show_border=”show” border_color=”#fff” stream=”hide” connections=”hide” width=”265″ height=”80″ header=”small” cover_photo=”show” locale=”it_IT”]