Crisi Cantù, società in vendita a costo zero

La Pallacanestro Cantù è in vendita a costo zero, dopo che il patron Dmitry Gerasimenko ha dichiarato che la sua azienda Red October Volgograd è stata sottoposta a sequestro. L’imprenditore russo, tramite un comunicato ufficiale, definisce un “esproprio” il provvedimento del governo della regione di Volgograd e della sua Agenzia delle Entrate. Secondo Dmitry Gerasimenko, la procedura di fallimento con relativo curatore, è partita «senza che vi siano pendenze o debiti».

Il numero uno del club lombardo si è detto impossibilitato a garantire la corretta gestione della società Pallacanestro Cantú, che a questo punto rischia di non terminare la stagione di Serie A1 per problemi finanziari. In una lettera aperta destinata a dirigenti societari, staff tecnico, giocatori, sostenitori e appassionati, Gerasimenko ha detto: “confido nel fatto che si risolvano in fretta i problemi. Mi rimbocco le maniche per trovare una soluzione adeguata alle aspettative della squadra e mie personali. Mi appello alla volontà di tutti coloro che amano la Pallacanestro Cantú al fine di dare continuità all’attività della squadra, mettendo sul mercato la mia partecipazione azionaria a costo zero”.

La squadra nata nel 1936 vanta una storia gloriosa, con un palmares ricco di trofei. In totale Cantù ha vinto 3 scudetti, 2 Coppe dei Campioni, 4 Coppe Korac, 4 Coppe delle Coppe, 2 Supercoppe Italiane e 2 Coppe Intercontinentali.

[wpdevart_like_box profile_id=”economiaesport.it” animation_efect=”none” show_border=”show” border_color=”#fff” stream=”hide” connections=”hide” width=”265″ height=”80″ header=”small” cover_photo=”show” locale=”it_IT”]